8° Belvedere Motor Party

25 giugno 2011

Conversano (BA)

Chi è stato sabato 25 Giugno alla masseria Alberotanza a Conversano (BA), ha finalmente visto con i suoi occhi perché la Puglia è nota come la “California del Sud”!!!

Ragazzi, quell’angolo di Puglia, tra Conversano e Casamassima, a non più di 25 Km da Bari alle 23.00 era proprio un angolo di California incastonato tra gli ulivi e tra la pietra secolare, la macchia meditarrenea ed il riverbero delle cicale, e c’era tutta la produzione East Coast disponibile: auto anni ’50,muscle anni '60 e '70, Harley-Davidson scoppiettanti in rigoroso ordine cronologico, da un Flathead sporco e corroso di miglia esibito come un trofeo su di un piedistallo ad un Panhead orgogliosamente avviato a Kick Starter che scorrazzava imperterrito a 4 marce sull’erba alta, e così via fino ai due cilindri più recenti cromati ed accessoriati, il tutto condito dalla musica degli Strike Rockabilly che martellava le menti annebbiate da fiumi di birra ... ma andiamo per ordine.

Questa era l’ottava edizione del BELVEDERE MOTOR PARTY, senz’altro la festa più attesa e numerosa di questa parte di tacco da tutti coloro (e sono tanti, circa 750 le moto intervenute, 35 le auto assillate dai flashes e migliaia i devoti in processione...) che di quell’America di un tempo, a cavallo degli anni cinquanta e sessanta, rimpiangono tutto, ma proprio tutto.

I ragazzi del Rock’N’RoadKustomKlub di Triggianello (BA) quest’anno hanno organizzato la loro festa in una masseria che sembrava fatta apposta per l’occasione, zona espositori e zona beverages&food, parcheggio auto in un garage alberato di ulivi secolari, il cielo stellato a vegliare sulle nostre anime perdute e tanta voglia d’estate per divertirsi insieme e dimenticare il freddo di quest’inverno che ti gelava le dita immobili come pistoni di ghiaccio, mentre quello che ti sorpassava si chiedeva quante rotelle avessimo perso lungo la strada.

Paky, il presidente del RNR KK, caricato a molla, lo trovavi dappertutto, tra i tanti stands dei Dealers o sotto il palco della band, in riunione permanente con Mimmo, Francesco, Andrea e gli altri ragazzi del RNR KK, a dividersi i compiti; del resto far parcheggiare 750 moto in mezzo all’arena, tra la gente, già non è uno scherzo, ma farli poi ripartire in carovana per la parata guidandoli tra le stradine di campagna fino a Conversano è un’impresa epica, ma questi sono i momenti in cui l’esperienza ed i Km macinati aiutano, aiutano, e come se aiutano !!!

Checco, il proprietario della masseria sembrava in preda ad una crisi mistica, certo non pensava che i ragazzi che spillavano le birre avrebbero finito per slogarsi i polsi per dissetare tanti Bikers intervenuti, ma quando i siciliani degli Strike hanno incominciato a dimenarsi e picchiare duro sugli strumenti, lasciando immobile solo i loro ciuffi a banana sorretti da etti di gel, la festa è proprio cominciata e ci mancavano solo le sei Pin-Up fatte salire appositamente sul palco per far esplodere tutto e deliziarci gli occhi al grido di “It’sonlyRock’N’Roll, but I likeit!”.

Molti i Clubs, e non, presenti al Party che non hanno voluto mancare all’evento. Veder vibrare i rispettivi gilet uno accanto all’altro al suono di “Summertime Blues” o di 2Should I stay or Should I go” ha aiutato tutti a capire, senza ricorrere a mille parole, di cosa è fatta la Brotherhood della gente che va sulla strada come noi.

Per quanto s’è visto, e se mai fosse necessario ribadirlo, il movimento custom è assai cresciuto quaggiù in Puglia e il Belvedere Motor Party non ha più nulla da invidiare a raduni più famosi presenti nel resto della ns. amata penisola.Qualcuno se n’è anche accorto in ritardo ma si è già prenotato per esserci ufficialmente alla prossima edizione.

I customizer presenti ed il rombo dei motori made in USA intervenuti non lasciano quindi dubbi sullo stato di salute del movimento, i ragazzi del RNR KK hanno avuto il merito di provarci per primi, andando su e giù a macinare miglia dentro quei loro giubbotti crema da college, ma le pacche sulla schiena ricevute al momento dei saluti finali, con la birra della staffa che ondeggiava tra le mani, parlano chiaro: al prossimo Belvedere Motor Party vietato mancare!!!

Noi ci saremo senz’altro e voi che aspettate a fare un salto giù in California?

Giovanni La Sorsa